XL
LG
MD
SM
XS
Hai cercato:
English
Italiano

Il Prosecco in cucina

Come sfruttare le inebrianti bollicine Made in Italy
17.01.2022
7 min.
Il Prosecco è un’eccellenza tutta italiana che vanta le migliori certificazioni riconosciute a livello europeo. Una bevanda ricercata e apprezzata in tutto il mondo! Infatti queste famose bollicine, appartenenti alla tradizione del Nord-Est del nostro paese, vengono esportate all’estero in gran quantità, e ormai costituiscono una vera e propria moda in molte nazioni. Ma anche da noi è ormai diffusissima l’abitudine di degustare un calice di Prosecco, magari accompagnandolo a certi pasti, sebbene, come vedremo oggi, possa anche costituire un eccellente e inaspettato ingrediente per le nostre ricette. Sia chiaro, la tradizione culinaria veneta non si è mai tirata indietro nell’arricchire le proprie pietanze con un goccio o una sfumata di vino, ma il Prosecco, grazie alle sue particolari caratteristiche organolettiche, può diventare addirittura un ingrediente primario, oggi forse ancora un po’ sottovalutato. Trova inoltre un eccellente impiego non solo nei piatti della tradizione a cui appartiene, e può essere addirittura utilizzato per arricchire pietanze che vengono da molto lontano.

Viviamo in un’epoca in cui le cucine considerate “tradizionali” vengono spesso rivisitate, adattate a nuovi ingredienti o a nuove sensibilità, nonché alla necessità di sperimentazione e fusione con altre culture. È proprio in questo contesto che il Prosecco trova nuova vita e viene in alcuni casi elevato anche al ruolo di elemento indispensabile. Diventiamo allora anche noi degli chef, immedesimiamoci in questo ruolo in versione casalinga: una sfida ma anche un divertimento in cui, tra un sorso di Prosecco e l’altro mentre si cucina, è possibile dare sfogo alla propria creatività.



Primi piatti

Il risotto al Prosecco è una ricetta semplice ma, allo stesso tempo, gustosa e profumatissima che sicuramente vi farà fare un’ottima figura con i vostri ospiti. Scegliete innanzitutto una varietà di riso adatta, come ad esempio il Carnaroli, ma anche l’Arborio o il Vialone Nano sono ottimi. Fate poi soffriggere burro e cipolla, aggiungete il riso per farlo tostare e successivamente aggiungete una buona dose di Prosecco. Fate evaporare l’alcool e, in seguito, proseguite come un normale risotto, cuocendolo con acqua o con il brodo vegetale. E se volete qualche informazione in più, dovrete solo cliccare qui.Chiaramente, potete arricchire questo gustosissimo primo piatto con altri ingredienti, per dare un tocco in più. Perfetti sono, ad esempio, i gamberi o gli scampi freschi, ma anche una variante con l’aggiunta di gorgonzola dolce vi stupirà. Se invece al riso preferite la pasta, il Prosecco sarà la vostra benedizione in moltissimi primi piatti a base di pesce, per cui non vi resta altro che scegliere quello che più vi piace! Molto famosi sono ad esempio gli spaghetti con tonno, curcuma e Prosecco; anche in questo caso, la preparazione del condimento è semplicissima: soffriggete in un tegame la cipolla con dell’olio extravergine di olive, aggiungete il tonno, della curcuma in polvere e sfumate con lo spumante. E anche per questa ricetta, potrete trovare i dettagli sul nostro sito, cliccando qui. Non siete amanti del tonno? Cozze, bottarga, gamberi e chi più ne ha più ne metta si sposeranno ugualmente bene con questa ricetta.



Secondi piatti

Anche in molti secondi piatti il Prosecco può essere sostituito alla classica sfumata di vino bianco; ecco che dà il meglio di sé ancora una volta con pietanze a base di pesce, ma anche con la carne bianca è una scelta ottima. Infatti, il sapore leggero e fruttato delle bollicine sarà in grado di esaltare il gusto di pietanze leggere e genuine.
Pensiamo ad esempio alle classiche scaloppine di vitello al limone, solitamente arricchite con un bianco fermo, ma che trovano anche nel Prosecco un ottimo alleato. Lo stesso vale per il pollo, che potrà ad esempio essere cotto in tegame insieme a panna liquida, cipolla, un goccio di Valdobbiadene DOCG e qualche spezia a scelta, come rosmarino, pepe e/o timo. Il risultato è fenomenale: il pollo irrorato di questo suo saporitissimo sughetto è – per noi – qualcosa di cui non possiamo più fare a meno!
La versatile e saporitissima bevanda può essere utilizzata anche come base per la preparazione di una salsa con cui accompagnare molti secondi piatti. Basta mettere a scaldare il Prosecco insieme a della panna da cucina liquida, far restringere, infine aggiungere dell’amido di mais per far addensare il composto. Ecco pronta una salsa da paura – di cui troverete maggiori dettagli cliccando qui – da accompagnare ad esempio con dei gamberi, ma anche con un branzino al cartoccio o con le stesse scaloppine di cui vi abbiamo parlato prima. Insomma, lasciatevi ispirare!



Dessert

Anche per quanto riguarda i dolci, il Prosecco non si tira indietro e ci regala delle vere e proprie chicche.
Da paura è la crostata con crema di fragole e Valdobbiadene DOCG di cui raccontiamo qui: con i suoi sentori freschi e fruttati, l’amata bollicina saprà darvi una vera e propria esplosione di sapore al palato e fidatevi. Non ci penserete due volte a fare il bis… se non il tris!
Un altro dessert freschissimo e intramontabile è la cheesecake al Prosecco. Ottima la versione semplice, ma ancora più buona secondo noi è quella arricchita con dei frutti di bosco, con fragole o pesche. Scopritele qui.



Dulcis in fundo, per digerire, sgrassare e rinfrescare il palato non può di certo mancare il sorbetto al Prosecco, oppure, se preferite, il gelato! Fresco, fruttato e leggermente alcolico… riuscite a immaginare un modo migliore per terminare una cena?
Altri post scritti da